Val al contenuto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto

Galleria Video

Parco Nazionale della Majella

Sistema Aree Protette - Parco Nazionale della Majella
  Sistema Aree Protette - Parco Nazionale della Majella  
Il Parco Nazionale della Majella è nato nel 1995, ricopre una superficie di 74 mila ettari, divisi su 39 comuni tra le provincie di Pescara, Chieti e L'Aquila.

Abitata dall'uomo già 700 mila anni fa, la Majella è la montagna madre per le popolazioni abruzzesi. A fianco di eccezionali vestigia storiche, vive una natura selvaggia: il cuore del massiccio della Majella è un vasto altipiano situato a circa 2500 metri di quota, coperto dalla neve e dal ghiaccio per 9 mesi su 12 e spazzato dal vento e dalle bufere praticamente per tutto l'anno.

Nelle rocce si trovano incastonati fossili di organismi marini e perfino denti di squalo, testimoni dell'antico passato geologico della montagna, un tempo fondale di un mare tropicale.

Dense foreste di pino mugo in grado di resistere alle bufere invernali si alternano a vaste praterie ricche di fioriture, pascolo del camoscio, reintrodotto nel 1991.

I paesi del parco vantano nobili tradizioni nel campo dell'artigianato: l'arte orafa a Guardiagrele, Sulmona e Pescocostanzo; la lavorazione del ferro a Pescocostanzo; la fabbricazione di corde armoniche per strumenti musicali a Salle.
Scarica l'audio

Aree Naturali

Torna al Parco Nazionale

logo modus logo poligrafico logo mef